Condividi!
Email to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+Pin on Pinterest

LONATO DEL GARDA (Brescia) – Per una mattinata le scarpette da calcio sono rimaste negli spogliatoi lasciando spazio ai più robusti elmetti protettivi così da permettere ai calciatori della Feralpisalò, assieme a tutta la direzione e allo lo staff tecnico, di dare inizio ad una trasferta come mai prima d’ora: nessuno stadio ad attenderli, ma il mondo dell’acciaio. Stamattina, infatti, lo stabilimento siderurgico di Feralpi Siderurgica a Lonato del Garda ha accolto la “sua” squadra tra i reparti produttivi sugellando un binomio che da anni vede accomunata la passione per lo sport e la dedizione all’acciaio proprio sotto le insegne di Feralpi.

Tra forni, laminato, tondo per cemento armato e reti, due contesti così apparentemente differenti si sono riscoperti molto affini sotto il comun denominatore dei valori che guidano una squadra di calcio così come un team in azienda.

E domenica la Feralpisalò ricambierà l’ospitalità. Tutti i dipendenti di Feralpi potranno accedere gratuitamente allo stadio Turina di Salò per l’incontro Feralpisalò-Renate.

 

«È stato un viaggio solo apparentemente atipico – ha commentato Giuseppe Pasini, presidente del Gruppo Feralpi e patron della Feralpisalò – perché queste due realtà hanno molti valori condivisi. Lo sport trasmette i principi del rispetto, della lealtà e del giusto orgoglio. Allo stesso modo, il lavoro implica valori quali la dedizione, la collaborazione e l’impegno. Sono tutte qualità che contraddistinguono in modo trasversale un buon calciatore così come un bravo lavoratore».

 

«Non capita tutti i giorni di vivere un’esperienza come questa» ha detto il dg e ds della Feralpisalò, Francesco Marroccu. «Per chi vive sui campi da calcio è stata senza dubbio una mattinata densa perché ha arricchito il patrimonio di conoscenze. Entrare in contatto con chi ogni giorno dà vita all’acciaio con così tanta passione ci rafforza nella convinzione di dover dare sempre il massimo dentro e fuori dal rettangolo di gioco».

 

L’incontro ha, inoltre, un significato in più perché si inserisce in un percorso che vede il Gruppo Feralpi impegnato a sostenere iniziative volte a promuovere uno stile di vita sano anche all’interno dei propri dipendenti, ovvero inclusivo anche di una costante attività fisica per accrescere il benessere del corpo e della mente.

Per Feralpi, far leva sui valori dello sport non è cosa nuova, anche nei confronti dei più giovani. Già lo scorso febbraio, i ragazzi coinvolti proprio in Feralpi nel progetto Alternanza Scuola-Lavoro e provenienti dagli istituti tecnici “Cerebotani” di Lonato del Garda e “Don Milani” di Montichiari sono stati accolti all’interno della casa dei Leoni del Garda della Feralpisalò. L’appuntamento, denominato “Facciamo squadra”, ha portato alla condivisione dell’esperienza dell’ex mister Antonino Asta seguita dall’attività sul campo curata da Fabio Norbis per mettere in pratica concetti come il team building, la comunicazione interpersonale e problem solving.

Lo scorso settembre, l’iniziativa “FERplay, la vita è un gioco di squadra” ha visto protagonisti altri ragazzi, compresi tra i 15 e i 19 anni, figli dei dipendenti del Gruppo Feralpi che hanno trascorso un’intera giornata a cavallo tra sport e azienda. L’evento rientrava nel più ampio progetto Feralpi Bootcamp, l’aggregatore dei progetti che Feralpi vuole dedicare ai più giovani per supportare la loro formazione e favorire un inserimento consapevole e preparato in un mondo del lavoro complesso.